Sostituire un Hard Disk (HDD) con un SSD [GUIDA]

Share
Sostituire HD con SSD

A sinistra un SSD, a destra un HDD

Negli ultimi tempi, ovvero da qualche anno circa, sta ormai andando di moda il fatto di sostituire il proprio disco rigido tradizionale, chiamato anche Hard Disk o HDD, con un nuovo e più performante SSD. Oltre ad essere una moda, però, questo può essere davvero un netto miglioramento in fatto di prestazioni, sia per un computer portatile che per un desktop o pc fisso.

Qual è la differenza tra un HDD e un SSD? Beh, dobbiamo dire che questa domanda ci è stata fatta da molti utenti, e la risposta è alquanto facile e abbastanza comprensibile, anche per i meno esperti. Il cambiamento, infatti, sta nel fatto che, all’interno di un  HDD, è presente un vero e proprio disco che gira, dove il computer va a ”pescare” i dati ogni volta che servono. L’SSD, invece, denominato anche come ‘‘disco allo stato solido”, è un solo blocco di memoria con tutti i dati reperibili in tempi non paragonabili nemmeno minimamente a quelli impiegati per il recupero di dati su HDD.

Negli SSD, inoltre, è presente un vero e proprio microprocessore, che gestisce tutte le funzioni che servono, senza lasciar fare il lavoro all’hardware del computer stesso e da questo, ovviamente, possiamo trarne soltanto dei netti benefici.

Detto questo, e avendo capito la differenza che incombe tra un HDD e un SSD, una delle domande molto frequenti a cui si va spesso incontro su diversi forum è: cosa bisogna fare per sostituire un HDD con un SSD?

Fortunatamente, anche la risposta a questa domanda è molto semplice. Cambiare un HDD con un SSD, infatti, è un vero gioco da ragazzi. Tutto quello che bisogna fare, è smontare il proprio HDD e sostituirlo con l’SSD di cui si è in possesso, visto che non c’è alcuna differenza di collegamento. Quando si acquista un SSD, inoltre, all’interno della confezione di quest’ultimo vengono anche forniti degli utili strumenti che permettono all’utente di passare tutti i dati dal proprio disco rigido al disco solido appena acquistato, così da evitare di perdere tutti i dati e cominciare da zero con l’installazione di un nuovo sistema operativo.

Una cosa che teniamo a precisare, è che con il passaggio da un HDD a un SSD, qualunque sia la dotazione hardware, si possono ottenere benefici in fatto di velocità e prestazioni fino al 75% in più, considerando le prestazioni a cui si era abituati con il proprio vecchio disco fisso.

Nel caso comunque di ulteriori dubbi, o se avete domande da farci, non esitate come al solito di riportare il tutto tra i commenti di questo articolo. Saremo lieti di rispondervi il prima possibile.

(5737 Visits)

Share

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Marco ha detto:

    Eh sostituire è un gioco da ragazzi ma ci sono dei fattori da tenere in considerazione, per esempio disabilitare la deframmentazione, e abilitare il trim.

    Sono cose fondamentali che dovresti scrivere visto che parli di una guida, e da ciò che invece ho letto proprio quida non è.

    Uno che entra qui si aspetta perlomeno di capire come sostituire l’hd…. invece hai parlato dei vantaggi.

  1. 3 ottobre 2013

    […] disponibili e il computer girerà senza problemi. Se proprio volete cambiare il vostro hard disk, fatelo con un SSD e allora sentirete davvero la differenza in termini di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *