Android: come fare il backup della cartella EFS

Share

Backup EFS Android

 Non sapete cos’è la cartella EFS? Allora, dovete sapere che, per i più smanettoni, ovvero per tutti quegli utenti che si divertono a montare altre ROM sul proprio dispositivo Android, la cartella EFS ha un’altissima importanza.

Tramite la cartella EFS, infatti, viene stabilità la legalità del vostro telefono legata al codice IMEI; perdendo quest’ultima, il vostro smartphone potrebbe diventare illegale e, dunque con un codice IMEI non autentificato; per far si di restare al sicuro e di poter ripristinare sempre il dispositivo al suo stato originario, è bene fare un backup di questa cartella.

Per questo, abbiamo deciso di descrivervi in che modo effettuare il backup della cartella EFS in pochi e semplici passi. Seguite quanto descritto di seguito:

  1. Assicuratevi che il vostro dispositivo abbia i permessi di Root; se non ce li ha, cercate una guida su Golook-Technology.it relativa al vostro modello oppure su un qualsiasi forum del web dedicato al mondo Android;
  2. Installate Root Explorer acquistandolo dal Google Play oppure trovate l’app gratuita sul web con estensione .apk pronta all’installazione;
  3. Aprite Root Explorer, date i permessi al Root e individuate nella schermata principale la cartella ”efs”;
  4. Tenete premuto su di essa e selezionate ”Copia”;
  5. Incollate la stessa sulla vostra SD Card e, in seguito, riponetela in una parte sicura sul vostro PC, così da tenerla lontano da occhi indiscreti.

Come avrete potuto capire, il procedimento è molto facile e intuitivo; nel caso di ulteriori domande o dubbi su quanto detto, non esitate a postare il tutto nei commenti.

(1631 Visits)

Share

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *