Differenza tra sensore CCD e CMOS

Share

Differenza tra CCD e CMOS

Se siete alle prese con l’acquisto di una nuova fotocamera digitale o semplicemente state valutando quella in vostro possesso, allora sicuramente vorrete sapere che differenza passa tra un sensore CCD e CMOS.

La prima cosa che bisogna sapere è che ”il sensore” non è altro che il sostituto della pellicola nelle attuali fotocamere digitali; esso, si occupa precisamente di convertire la luce in cariche elettriche che, attraverso un processo chiamato ADC (Analog to Digital Converter), si trasformano in pixel dando vita alla foto scattata.

Detto questo, avrete notato che in commercio ci sono attualmente fotocamere solo con due tipi di sensore, CCD e CMOS. Il sensore CCD è caratterizzato da una serie di diodi, chiamati ”photosites”, sensibili alla luce, i quali convertono quest’ultima in una carica elettrica.

Il sensore CMOS è praticamente identico sotto molti punti di vista, con la differenza però che i suoi diodi sono molto più sensibili alla luce e, dunque, per avere un’immagine qualitativamente perfetta ci si dovrà impegnare di più, altrimenti otterremo foto di qualità minore rispetto ad un sensore CCD, che peraltro è attualmente il più diffuso. Dall’altro lato, i sensori CMOS consumano 100 volte di meno rispetto ad un sensore CCD, e questo ne determina una durata consistentemente maggiore.

Ovviamente, siccome la qualità in una foto è l’unica cosa che conta, i sensori CCD vengono preferiti rispetto a quelli CMOS.

(1588 Visits)

Share

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *